FROM SPACE TO PLACE

LA WORKPLACE STRATEGY PER SODDISFARE LE ESIGENZE IN UFFICIO

Come si può progettare lo spazio di lavoro in modo che aiuti le persone a rimanere attive e in salute in ufficio?

Organizzazioni tradizionali o innovative vedono l’enorme potenziale delle reti aperte e un crescente bisogno di interazione. L’ufficio di ogni azienda di successo deve essere in grado di offrire una giusta miscela di spazi in grado di favorire la collaborazione e la concentrazione e soprattuto il rapido passaggio dall’una all’altra modalità di lavoro.

1. Crossroads – Incrementare gli scambi spontanei

Incontrare colleghi per caso, lungo i corridoi o alla macchina del caffè o nelle aree break porta spesso a brevi, ma intesi scambi di opinioni e alla condivisione informale di informazione. Non bisogna sottovalutare il valore di questi “crossroads” quando si progetta un ufficio, perché sono questi luoghi che aumentano la creatività e promuovono il giusto atteggiamento verso processi lavorativi innovativi.

2. Prossimità – Spazi per riunioni informali

La gente usa spontaneamente gli spazi informali d’incontro vicino alle scrivanie e alle aree di lavoro. Questi spazi dovrebbero combinare un aspetto confortevole e lavorativo al contempo, offrendo superfici “soft” e superfici dure. In aggiunta, l’uso di partizioni verticali può aiutare a migliorare l’assorbimento e l’abbattimento acustico, proteggendo le aree di lavoro e migliorando la qualità della comprensione verbale nell’area d’incontro.

3. Nuove forme per superare le barriere

L’uso di arredi di forme complesse può migliorare l’esperienza spaziale dell’ufficio. Le forme rettangolari e regolari, sinonimo di strutture e meeting formali, possono essere sostituiti da forme organiche. Cambia così la percezione spaziale, il modo in cui le persone usano lo spazio e il modo in cui comunicano e interagiscono fra loro.

4. Trasparenza - contatto visivo tale persone

La scelta del giusto arredo è fondamentale per il giusto contributo al bilanciamento fra comunicazione e concentrazione. Soluzioni incentrate su tavoli alti e sgabelli, che seguono la regola del “quello che vedo è quello che ottengo”, aiutano a riconoscere come lo spazio viene usato e quali sono le modalità di lavoro ospitate. Evitando l’eccesso di schermi, un contatto visivo viene stabilito fra le persone presenti, naturalmente inclini a rispettare concentrazione o informalità.

Abbonamento a Sedus INSIGHTS

Desideri essere informato gratuitamente su tendenze e tematiche emergenti nel mondo del lavoro?
Siamo lieti di inviarti in automatico l'ultimo numero di Sedus INSIGHTS.

Ti preghiamo di compilare il seguente modulo:

Dopo l'invio del modulo riceverai un'e-mail da parte nostra. Per confermare basta cliccare sul link al suo interno. In questo modo sapremo che hai effettuato la registrazione e che non vi è stato alcun utilizzo improprio del tuo indirizzo e-mail. Registrandoti, accetti le nostre direttive sullaprotezione dei dati.

* Campo obbligatorio